SaltyLama
Passa al contenuto

SPEDIZIONE GRATUITA | Garanzia di rimborso al 100%

Vita sostenibile: come far ricrescere le verdure dagli scarti

Sustainable Living: How To Regrow Vegetables From Scraps

 

Di SaltyLama

Per molti di noi, i lunghi giorni di quarantena indotti dalla pandemia del 2020 riporteranno sempre alla memoria il pane alla banana, la preparazione del caffè Dalgona e il taglio dei capelli. Ma un'altra tendenza nata in quel periodo ha messo radici in coloro che desiderano abbracciare uno stile di vita più sostenibile.

Cercando di rimanere socialmente distanti ma anche di tenersi occupati, le persone durante la quarantena si sono dedicate ad armeggiare con la coltivazione o la ricrescita di verdure in qualsiasi spazio ristretto in cui si trovassero. Pertanto, tutti quei post sui social media di verdure a foglia coraggiosamente sbocciate nei bicchieri, tazze da caffè e quant'altro fosse disponibile. Più di due anni dopo, la tendenza è sbocciata mentre le persone cercano di ridurre la quantità di rifiuti di cucina, e quindi la loro impronta di carbonio, con un po' di giardinaggio fai-da-te. Se stai cercando modi per ottenere il massimo dal tuo cibo e ridurre gli avanzi che getti nel cumulo di compost dopo ogni pasto, anche la ricrescita delle verdure potrebbe fare al caso tuo.

Cos'è la ricrescita?

Per quanto sembri semplice, significa prendere la frutta e la verdura rimanenti e trasformarle in nuove piante invece di buttarle via . E no, non ci vuole un orticoltore per produrre risultati. Francamente, non devi nemmeno essere un gran giardiniere. Se hai mai piantato un seme e l'hai visto crescere, sei più che qualificato.

Non solo è un modo semplice per ridurre la tua impronta di carbonio, ma riduce anche al minimo gli sprechi e significa che stai ottenendo molto di più dai tuoi generi alimentari, cosa di fondamentale importanza in questi giorni considerando l'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari. Inoltre, poiché stai consumando meno cibo, è necessario coltivare, raccogliere e trasportare meno verdure, riducendo l'assorbimento di risorse già in difficoltà.

Con quale verdura dovrei iniziare?

Quando inizi, attieniti alle basi. E poco è più semplice della lattuga romana, con i suoi contorni allungati e verde scuro. Basta tagliare le foglie appena sopra il gambo - saranno sufficienti da due a due pollici e mezzo - e iniziare il processo. Ovviamente, un'affinità per il giardinaggio sarà utile, ma anche guardare crescere le tue piccole piante è divertente. E quanto è bello coltivare la tua lattuga? Non c'è niente di meglio di così.

Ora che ho il gambo, cosa devo fare?

Ricordando tutte quelle immagini della quarantena su Instagram, metti il ​​gambo in un bicchiere d'acqua. È essenziale che l'acqua copra solo la parte inferiore del gambo. Il bordo tagliato in alto dovrebbe rimanere circa due terzi sopra la linea di galleggiamento, assicurando che una nuova pianta possa emergere da esso. Questo passaggio richiede circa due o tre settimane. Ricordati di cambiare anche l'acqua ogni giorno, altrimenti il ​​tuo bel progetto sostenibile non sarà più un'insalata croccante, ma solo un pezzo di verdura in decomposizione in un bicchiere.

Se potresti avere difficoltà a ricordarlo, ad esempio se hai seppellito alcune piante d'appartamento in passato, rendilo parte del tuo rituale mattutino. Prepara la colazione e, mentre lo fai, dai anche un po' d'acqua fresca alla tua nuova pianta.

Quando lo metto in pentola?

Quando dal fusto emergono le prime foglioline, le nuove radici si sono già formate. È allora che è il momento di mettere la lattuga in una pentola. Come terriccio potete usare del normale terriccio da vaso mescolato a un po' di sabbia. In questo modo l'acqua non si formerà nella pentola, ma scorrerà attraverso di essa. Prima di metterlo nella pentola, dovresti eliminare tutte le foglie che potrebbero essere andate a male sul gambo. Dopo un po' di tempo, si sarà formata la lattuga e avrai coltivato due lattughe al prezzo di una.

Ora che ho la lattuga, cos'altro posso coltivare?

Un sacco di altre verdure, da cipolle e carote a barbabietole e coriandolo. Il processo funziona allo stesso modo anche con sedano, porri e aglio. L'aglio può anche essere piantato direttamente nel terreno.Per fare questo, prendi semplicemente un chiodo di garofano dal bulbo e poi piantalo direttamente nel terreno con la parte inferiore rivolta verso il basso Dopo un po' di tempo, si formerà una piantina.

Puoi anche far ricrescere zenzero, menta e basilico

Per lo zenzero, applica le stesse istruzioni a un pezzo di zenzero e poi inseriscilo nel terreno non appena si sono formate alcune radici. Una nuova radice crescerà nel terreno nel tempo. E una volta ricresciuto uno, è probabile che ne rimarrai affascinato e sulla buona strada per vivere in modo più sostenibile. Quando abbiamo iniziato a far ricrescere le nostre verdure invece di scartarle, improvvisamente ci siamo divertiti a propagare anche altre piante come il basilico e la menta piperita. Di nuovo, il processo è lo stesso. Prendi semplicemente piccoli ritagli di basilico o menta piperita con una lunghezza di circa quattro pollici, rimuovi le foglie inferiori e mettili in acqua. Dopo alcuni giorni si formeranno delle minuscole radici e potrai ripiantare queste talee in piccoli vasi.

Provaci: una vita sostenibile può essere molto divertente.

 

 

.

Garanzia di rimborso al 100%.

Non sei soddisfatto al 100%? Ottieni un rimborso completo, senza fare domande.

Pianeta prima del profitto

Ci impegniamo ad avere un impatto reale sul nostro pianeta.

Spedizione gratuita

Spediamo gratuitamente negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Europa.